mercoledì 21 gennaio 2015

WATER MARBLE Nail Art

Oggi voglio mostrarvi la mia seconda water marble, realizzata a poca distanza dalla prima (che trovate qui) e forse meno caruccia per via dei colori, ma tutto sommato abbastanza pulita.
Come sempre è buona norma applicare una base protettiva o rinforzante sulle unghie, prima di procedere alla loro colorazione.
Elenco di seguito le varie fasi per realizzare una marble :

  • scegliere opzionalmente un colore di base da stendere sulle unghie, stenderlo e lasciarlo asciugare bene;
  • preparare una bacinella, meglio se di forma tonda, con dell'acqua a temperatura ambiente (io ancora non ho esaminato le differenze usando acqua del rubinetto o acqua del depuratore,  ma so che per molte questo fa la differenza);
  • proteggere le unghie con del nastro adesivo per semplificare la pulizia delle cuticole a fine lavoro (molte blogger, per lo più straniere, usano prodotti a base di colla tipo Vinavil, oppure lattice liquido, oppure colle appositamente studiate per questo tipo di utilizzo come ad esempio il Liquid Palisade che però onestamente ritengo troppo costoso);
  • versare lo smalto nell'acqua a gocce, una goccia dentro all'altra, formando dei cerchi concentrici;
  • lavorare con uno stuzzicadenti, o altro oggetto dalla punta fine, sulla superficie dello smalto per ottenere disegni astratti;
  • immergere il dito (con l'unghia ovviamente rivolta verso l'acqua) fin sotto la superficie dello smalto;
  • col dito ancora immerso, pulire lo smalto in eccesso (quello che non si è attaccato all'unghia) con un cotton fioc ed estrarre il dito dall'acqua;
  • togliere il nastro adesivo a protezione delle cuticole;
  • ripulire le sbavature;
  • applicare un top coat.
Ancora non sono ferratissima su questo tipo di tecnica, eppure piano piano... a forza di provare e trovare spunti sugli altri blog... ho notato che :
  • non esistono marche di smalto specifiche che assicurino una buona riuscita della marble; è ovviamente preferibile che uno smalto sia fluido, ma anche uno smalto denso, se trattato col diluente (io uso quello della Mavala), può sortire un buon effetto;
  • se il primo cerchio non si apre, possiamo "aiutarlo" passando intorno al bordo lo stuzzicadenti e lui si aprirà... provare per credere!;
  • è importante fare tutto con rapidità per evitare che lo smalto secchi, senza però versare troppo dall'alto e/o con troppa foga le gocce di smalto, perché altrimenti la goccia una volta a contatto con l'acqua, diventerà una sfera e si depositerà velocemente sul fondo;
  • quando si lavora sui cerchi di smalto, è preferibile non intaccare i cerchi più esterni;
  • per definire il centro del disegno è necessario immergere la punta dello stuzzicadenti più a fondo proprio al centro, dopo aver trascinato il disegno;
  • fra un disegno e l'altro è importante pulire bene l'acqua dai residui di smalto oppure, se i residui sono troppi, cambiare l'acqua.
Se riesco ad organizzarmi, proverò a fare delle foto passo-passo che pubblicherò successivamente.
In ogni caso per avere un po' di dimestichezza è necessario provare e riprovare... la nota negativa è che a forza di tentativi, si consuma un sacco di smalto!

Adesso vi lascio alla mia marble, per realizzarla ho steso uno smalto bianco come base e poi nell'acqua ho versato il China Glaze 80226, dello smalto trasparente e l'Essence 79.

water marble green





















water marble green





















water marble green





















water marble green

water marble green